Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Il Visto per l'Italia

 

Il Visto per l'Italia
  • Quale tipologia di visto mi serve?

Per identificare la tipologia di visto necessario, è utile preliminarmente compilare il questionario "Il visto per l'Italia", disponibile in italiano, arabo e inglese.

  • Dove faccio domanda?

L'Ambasciata d'Italia a Tripoli e il Consolato Generale a Bengasi ricevono le domande di visto nei rispettivi centri VFS di Tripoli e Bengasi: 
- Tripoli: VI Piano – Blocco 2 - Centro Commerciale Tripoli Tower - Tripoli.
- Bengasi: Arb Bin Ali Street, Fuweihat Alrahaba

  • Come faccio domanda?

L'appuntamento per la presentazione della domande di visto per AFFARI e TURISMO va prenotato attraverso il sito internet del fornitore esterno di servizi, rintracciabile QUI .
Per le prenotazioni degli appuntamenti o per informazioni su eventuali altri tipi di visto, è necessario inviare una mail all'indirizzo tripoli.visa@esteri.it per l'Ambasciata d'Italia a Tripoli e visti.bengasi@esteri.it per il Consolato Generale a Bengasi. Si fa presente che, per il visto AFFARI, dovrà essere l'azienda invitante in Italia alle Sedi la lettera di invito a favore del cittadino libico che richiede il visto.

Avviso importante sulle domande di visto presso il Consolato Generale a Bengasi

In via temporanea, in caso di impossibilità di ottenere un appuntamento allo sportello VFS per presentare la domanda di visto per AFFARI e TURISMO, è possibile chiedere assistenza direttamente al Consolato Generale a Bengasi, scrivendo una mail all'indirizzo visti.bengasi@esteri.it 
Nella comunicazione sarà necessario indicare:
- i vostri dati personali (nome e cognome, data di nascita, indirizzo) e di eventuali familiari che intendono richiedere il visto con voi;
- copia del vostro passaporto e di eventuali familiari che intendono richiedere il visto con voi;
- il vostro numero di telefono;
- lo scopo del viaggio;
- la data di inizio e la durata del viaggio.

Il Consolato Generale farà del suo meglio per aiutarvi, in base alla disponibilità di slot in calendario, ma non può garantire che la vostra richiesta sarà accolta.

  • Quanto costa un visto per l'Italia?

Il prezzo che il richiedente visto dovrà corrispondere si compone di due elementi: la percezione consolare ("a."-corrisposta all'Ambasciata o al Consolato) e la commissione per il servizio visti ("b."-corrisposta al fornitore esterno VFS).
a. Percezione Consolare: essa dipende per la tipologia di visto richiesto. Di seguito, il dettaglio:
- visti SCHENGEN: 408 LYD. Per i minori di età compresa tra i 6 e i 12 anni, il costo è ridotto a 204 LYD.
- visti NAZIONALI: 591 LYD. Specifiche eccezioni sono dettate dalla normativa applicabile.
b. Commissione per il servizio visti: essa è, di base, pari a 213 LYD. Il richiedente può autonomamente scegliere alcuni servizi aggiuntivi a pagamento, elencati QUI

Esempio: nel caso di un visto turistico per un cittadino libico di 30 anni, il costo del visto sarà di 408 LYD (percezione consolare) più 213 LYD (commissione di servizio), per un totale di 621 LYD.

 ATTENZIONE, in riferimento ai servizi opzionali tieni presente che:
- si tratta di servizi aggiuntivi e a pagamento;
- non sono un elemento essenziale della domanda di visto;
- il loro utilizzo non comporta un accorciamento dei tempi nella trattazione della domanda da parte del concessionario o della Sede;
- il loro utilizzo non ha alcun effetto positivo sulla valutazione della domanda da parte della Sede.

  • Quali documenti devo presentare?

La documentazione da allegare alla domanda di visto dipende dalla tipologia richiesta. Il questionario "Il visto per l'Italia" permette al richiedente di orientarsi tra le diverse tipologie di visto e la documentazione prevista per ciascuno. Nella sezione "Lista documenti, Formulari-Modelli, Informazioni sui Visti scaricabili" è possibile recuperare maggiori informazioni in merito.

  • Cosa accade dopo la presentazione della domanda di visto?

Una volta depositata la domanda di visto presso l'ufficio VFS, l'Ambasciata o il Consolato valutano la documentazione presentata a supporto della richiesta e, qualora necessario, procedono all'intervista telefonica del richiedente. Allo stesso modo, l'Ambasciata o il Consolato possono chiedere documentazione aggiuntiva, necessaria per integrare la domanda di visto. E' opportuno ricordare che la presentazione della domanda non da automaticamente diritto al rilascio del visto: domande prive di documentazione, incomplete o le cui motivazioni non appaiono fondate o credibili potrebbero essere respinte, secondo le modalità previste dalla normativa europea e italiana applicabile.

  • Cosa devo fare se voglio informazioni sulla mia pratica?

Per informazioni sullo stato della pratica, si consiglia di scrivere una mail a tripoli.visa@esteri.it o visti.bengasi@esteri.it, a secondo della Sede di presentazione della domanda di visto. 
L'ufficio visti svolge attività di riscontro al pubblico nei giorni dalla Domenica al Giovedì, dalle 09:00 alle 14:00 (ora locale).
Si sconsiglia l'uso del telefono: la precaria connessione alla rete fissa e mobile, dovuta alle frequenti interruzioni della linea elettrica, non consente comunicazioni efficaci.

  • Di chi/cosa devo diffidare?

E' possibile che ci si imbatta, sui social o nel quotidiano, in adescatori che millantano di poter ottenere appuntamenti e visti dietro il pagamento di un compenso aggiuntivo rispetto al costo del visto (vedi sezione apposita). E' assolutamente sconsigliato affidarsi a tali figure, che non hanno alcun legame con l'Ambasciata o con il Consolato e che proliferano attraverso un business illegale volto alla truffa e alla circonvenzione dei potenziali richiedenti visto. L'Ambasciata d'Italia a Tripoli e il Consolato Generale a Bengasi NON RICONOSCONO l'attività di alcuna agenzia di viaggi o intermediario e hanno strumenti adeguati per rilevare eventuali tentativi di forzare i sistemi di controllo e di protezione dei legittimi richiedenti visto. Si prega di segnalare ogni attività sospetta attraverso le mail tripoli.visa@esteri.it o visti.bengasi@esteri.it, per le successive segnalazioni alle autorità giudiziarie e di polizia, locali e italiane.

 


216